Turismo in Turchia Visitare Istanbul, una guida per visitare e scoprire Istanbul, Turchia.

Bandiera Turchia

   

Visitare Istanbul

Storicamente conosciuta come Bisanzio prima e Costantinopoli in seguito, Istanbul costituisce il maggior centro culturale e industriale della Turchia, oltre che la seconda area metropolitana più popolosa d’Europa dopo Mosca.

Situata sulla faglia sismica dell'Anatolia settentrionale, la città si erge sulle sponde dello stretto del Bosforo, sulla riva europea del quale si affaccia il centro storico nel punto in cui è presente il porto naturale denominato “Corno d’oro”.

Capoluogo della regione omonima, Istanbul è una città storicamente importantissima, capitale dell'Impero Romano (330-395), dell'Impero Romano d'Oriente (Impero Bizantino) (395-1204 e 1261-1453), dell'Impero Latino (1204-1261) e dell'Impero ottomano (1453-1922).

Dichiarata capitale europea della cultura per il 2010 (insieme all’ungherese Pécs), Istanbul è anche conosciuta per la bellezza dei suoi quartieri storici, non a caso inseriti, a partire dal 1985, nella lista dei patrimoni dell’Umanità dell’Unesco.

Con un clima temperato, a metà strada tra l’oceanico e il mediterraneo, caratterizzato da inverni freddi e umidi (nel corso dei quali ci sono però dei periodi con temperature particolarmente rigide) ed estati calde e umide, Istanbul gode di un clima più mite, anche se instabile, in primavera e in autunno, quando l’umidità si fa sentire meno, senza per questo sparire del tutto.

Sono questi i periodi migliori per visitare il capoluogo turco, con il vantaggio ulteriore di non soffrire della calca di turisti che affollano la città nei mesi estivi.

Moltissimi sono gli elementi che rendono Istanbul una città affascinante e romantica, oltre che culturalmente stimolante.

Il monumento più celebre e spettacolare della città è l’Hagia Sophia: un tempo la chiesa più grande per dimensioni di tutto il mondo cristiano, venne fatta costruire per ordine dell’Imperatore Giustiniano.

Fatta trasformare in Moschea nel 1453, venne definitivamente convertita in museo nel 1935 (il costo dell’ingresso è di 9 €).

Di fronte all’Aya Sofya si trova la Moschea Blu, cosiddetta per via del colore predominante delle sue pareti esterne.

Visitabile gratuitamente, prevede tuttavia l’osservanza di alcune semplici regole di rispetto: togliersi le scarpe prima di varcare la soglia, mettersi il velo per le donne, non entrare in indumenti troppo scollacciati o pantaloncini corti.

Poco distante si trova l’Ippodromo, fatto erigere dall’Imperatore Costantino ai tempi in cui, proprio per volere dell’imperatore, Istanbul era conosciuta col nome di “Nova Roma”.

Tra le altre bellezze offerte vale la pena soffermarsi per una visita al quartiere Sultanahmet (sorto sui resti degli insediamenti di epoca bizantina), al Palazzo Topkapi e alla Cisterna Basilica (il costo dell’ingresso è di 7 €).

Gli amanti dello shopping potranno sbizzarrirsi in compere all’antichissimo Gran Bazar, mentre, per quanto riguarda i piatti tipici della Turchia, si trovano ad Istanbul quelle specialità che da tempo si è imparato a conoscere ed apprezzare anche in Occidente, come il Kebab, il dolce Baklava e il Ravi (bevanda a base di anice).


Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/europada/public_html/application/library/Php/xmlrpc.inc on line 583